• STUDIO PSICOTERAPIA

COSA FA LO PSICOTERAPEUTA

Aiutare ad uscire dai problemi

Lo psicoterapeuta è il professionista psicologo, o anche medico, che ha conseguito una specifica formazione professionale di durata almeno quadriennale, presso scuole pubbliche o private riconosciute.

Tale formazione consente l'acquisizione di metodologie apposite per il trattamento delle patologie in ambito psicologico: esistono diversi tipi di orientamento teorico e di intervento, ognuno dei quali ha uno specifico approccio alla psicopatologia, che si avvalgono di altrettante specifiche tecniche e strategie di cura, per affrontare i diversi disturbi nella loro unicità.


Per esercitare la professione di psicoterapeuta è obbligatorio essere iscritti all'Albo professionale degli psicologi o dei medici.

 

AIUTO PSICOLOGICO

La maggiore distinzione tra psicologo e psicoterapeuta è che il secondo, essendo anche psicologo (o medico) utilizza i due livelli di competenza, pertanto oltre a lavorare sul problema attuale e la risoluzione dello stesso nel presente, approfondisce il passato e i meccanismi che lo hanno creato, producendo nel paziente un cambiamento più marcato, più globale, più duraturo nella sua struttura di personalità, nel suo modo di pensare e di sentire.

La psicoterapia fornisce strumenti di pensiero e azione che divengono un bagaglio personale a disposizione del paziente stesso al termine del percorso, per la gestione di ogni difficoltà nel futuro.

Lo psicoterapeuta rappresenta per la salute psichica ciò che il medico specialista rappresenta per la salute fisica. Diverse sono le possibili aree di intervento:

  • Diagnosi e trattamento dei disturbi e dei sintomi di origine mentale, difficoltà relazionali, comportamentali, adattive, emotivO.
  • Orientamento del paziente verso la scelta del trattamento più idoneo dei sintomi presentati ( psicoterapia, invio ad altro specialista o struttura, ecc.
  • Sostegno emotivo.
  • Progettazione e realizzazione di interventi di riduzione del danno e rafforzamento delle capacità residue.

L’intervento psicoterapeutico si realizza in tutti gli ambiti personali, sociali e istituzionali in cui si è già manifestata una forma ben strutturata di disagio (vedi aree di intervento dello psicologo:

  • individuale, di coppia o familiare: cura di problematiche specifiche.
  • di gruppo: interventi di sostegno e cura di specifici disturbi:
  • istituzionale: interventi di prevenzione, diagnosi e cura.

In relazione al tipo di intervento, lo psicoterapeuta collabora frequentemente con diversi professionisti: medici, infermieri, educatori, assistenti sociali, avvocati, giudici, forze di polizia, ecc.

 

OBIETTIVO PRINCIPALE

ostacoli emotivi
L ’intervento psicoterapeutico ha come obiettivo prioritario la risoluzione del disturbo e la rimozione di tutti quegli ostacoli emotivi, cognitivi e comportamentali che interferivano con il benessere emotivo-psicologico e l'autonomia del paziente.
La psicoterapia proponendosi come percorso di crescita e nuovo benessere, lavora su più livelli, con le seguenti finalità:
  • Esplorazione e presa di coscienza del funzionamento personale e relazionale.
  • Analisi, comprensione ed elaborazione dei vissuti e della sofferenza.
  • Risoluzione di conflitti e paure.
  • Riduzione delle resistenze e impulsività.
  • Attivazione e recupero delle risorse interne e dell'autonomia.
  • Apprendimento di modalità di comportamento più funzionali, mature e adattive.
  • Crescita individuale globale.

Lo psicoterapeuta può esercitare sia come libero professionista sia nel settore pubblico.