• STUDIO PSICOTERAPIA

Cosa fa lo psicologo

STARE MEGLIO

Lo psicologo è un professionista laureato in Psicologia (corso quinquennale) e abilitato all'esercizio professionale, (la cui attività è regolamentata dalla Legge 56 del 1989 e dal Codice Deontologico), che si occupa della salute mentale e del benessere psichico ed emotivo, della persona, del gruppo, degli organismi sociali e delle comunità.

Lo psicologo si avvale di strumenti diagnostici, di prevenzione, cura e riabilitazione scientificamente validati.

A CHI SI RIVOLGE

La sua competenza professionale può essere spesa in diversi ambiti sociali e istituzionali, che lo portano così a collaborare con diversi professionisti: medici, infermieri, educatori, insegnanti, manager, assistenti sociali, avvocati, giudici, forze di polizia, ecc.

Nel ricercare e promuovere il benessere personale e relazionale, gli interventi possono essere rivolti a:

Individui, coppie e famiglie che sentono la necessità di migliorare la propria qualità di vita o che si trovano ad affrontare cambiamenti legati al ciclo di vita, stress, malattie, traumi, problematiche legate a crisi esistenziali o lavorative, dipendenze, problemi sessuali o psicosomatici, fobie, attacchi di panico, depressioni o disagi psichici.

Genitori che vogliono migliorare le relazioni con i propri figli, per affrontare disagi evolutivi ed adolescenziali, disabilità o che necessitano di supporto in conseguenza a separazioni, problemi scolastici o di dipendenza, adozioni e affidamenti.

Sportivi per la preparazione psicofisica, la gestione dello stress, l’incremento di abilità cognitive e motivazionali.

Gruppi e le comunità per migliorare il clima interno e le dinamiche relazionali, per promuovere l’ empowerment e l’ integrazione, per gestire i conflitti e proporre modelli di vita adeguati, una corretta educazione alla salute, la sicurezza viaria.

Scuole e le aziende industriali, sanitarie ed ospedaliere per migliorare la qualità dell’ambiente, la sicurezza, le relazioni e l’integrazione, la comunicazione, prevenire ed affrontare problematiche organizzative, interventi ergonomici sull’ambiente, selezione del personale e sviluppo delle risorse umane e motivazionali, indagini di mercato e di prodotto, formazione del personale e del management, orientamento scolastico e formativo.

LA PROFESSIONE DI PSICOLOGO

La professione di psicologo è stata riconosciuta in Italia nel 1989 come attività altamente qualificata, di evidente utilità sociale e che può essere esercitata unicamente da professionisti che hanno acquisito una competenza specializzata non riconducibile a quella di altre professionalità, seguendo un corso di studi lungo ed orientato precipuamente a tale scopo.

"La professione di psicologo comprende l'uso degli strumenti conoscitivi e di intervento per la prevenzione, la diagnosi, le attività di abilitazione-riabilitazione e di sostegno in ambito psicologico rivolte alla persona, al gruppo, agli organismi sociali e alle comunità. Comprende altresì le attività di sperimentazione, ricerca e didattica in tale ambito." (art. 1 Legge 56/89 – clicca qui per consultare il testo integrale della legge) (Tratto da http://www.ordpsicologier.it/home.php?Lang=it&mItem=257&Item=psicochi&Menu=1)

Lo psicologo può svolgere la sua attività sia nel settore privato, esercitando come libero professionista, sia nel settore pubblico, gestendo i servizi di salute mentale o socio-sanitari delle ASL, dei Comuni, delle Province, delle Regioni o di altri Enti locali.

Attraverso specifiche tecniche di comunicazione interpersonale, lo psicologo accompagna la persona o il gruppo in un percorso di:

  • attivazione di insight e consapevolezze,
  • mobilitazione delle proprie risorse interne,
  • potenziamento della propria capacità di prendere decisioni,
  • acquisizione di strategie efficaci per affrontare e superare le difficoltà,
  • raggiungimento di una condizione di autonomia, maggior benessere ed equilibrio,
  • complessivo miglioramento della qualità della vita,
  • apprendimento di una migliore modalità di amare se stessi e gli altri, in maniere auto protettiva.

ALTRI PROFESSIONISTI

Se per il disturbo presentato è necessario l'intervento farmacologico, lo psicologo collabora con lo psichiatra, il neurologo, medico di base o altri medici specialisti, che ne seguono la posologia e somministrazione.